Morti Lugo,a giudizio medico e caposala

Pur di fronte ai numerosi segnali di allarme, non avrebbero adottato tutte le misure in loro potere per scongiurare il decesso della paziente 78enne Rosa Calderoni, morta secondo l'accusa per un'iniezione letale di potassio fatta all'ospedale di Lugo, nel Ravennate, dall'ex infermiera Ausl Daniela Poggiali. E' la ricostruzione della Procura di Ravenna che è costata il rinvio a giudizio per omicidio volontario con dolo eventuale all'allora primario e all'allora caposala, entrambi in pensione, del reparto di Medicina dell'ospedale lughese. Si tratta del 69enne Giuseppe Re e della 63enne Cinzia Castellani. Nel suo dispositivo, il Gup Antonella Guidomei ha fatto presente tra le altre cose che le difese si sono concentrate sulla mancanza del dolo, aspetto il cui vaglio spetterà all'istruttoria: processo al via il 27 febbraio 2019 davanti alla Corte d'Assise di Ravenna. Poggiali, condannata in primo grado e assolta in secondo, è in attesa di un nuovo appello dopo la Cassazione.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Cesena Today
  2. Cesena Today
  3. Romagna Noi
  4. Cesena Today
  5. Cesena Today

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Gambettola

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...